Forum Scuola di Modellismo
Benvenuto su Scuola di Modellismo....il cui scopo è condividere idee ed esperienze, mettendole a disposizione di tutti i modellisti.

Per la visualizzazione di tutti i contenuti del forum REGISTRATI!!!!

***Ricorda di leggere il REGOLAMENTO prima di postare un messaggio.***

Potrai partecipare alla chat, ai sondaggi del forum, vedere gli ultimi argomenti e le guide sul funzionamento del forum.

***** Non dimenticare di presentarti! *****

Lo Staff
Forum Scuola di Modellismo
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi clic o accedi per continuare.
PER IL NOSTRO FORUM
Documento senza titolo
Chi è online?
In totale c'è 1 utente online: 0 Registrati, 0 Nascosti e 1 Ospite :: 1 Motore di ricerca

Nessuno

[ Guarda la lista completa ]


Il numero massimo di utenti online contemporaneamente è stato 234 il Gio 30 Dic 2010 - 8:51
Ottobre 2020
LunMarMerGioVenSabDom
   1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031 

Calendario Calendario

Accedi

Ho dimenticato la password

Dal 24-luglio-2009
Cerca
 
 

Risultati per:
 


Rechercher Ricerca avanzata


Tecnica del ragno matto

Andare in basso

Tecnica del ragno matto Empty Tecnica del ragno matto

Messaggio Da Virgiliomodellista il Ven 27 Ago 2010 - 9:56

La tecnica del “RAGNO MATTO”
Bella tecnica quella del ragno matto, …. Quale ?
Quella di iniziare una cosa in un modo senza seguire un ordinato procedere nella lavorazione.
Vi domanderete (ma non è necessario) il perché della cosa, bene Un motivo vero e proprio non c’è.
In effetti ho iniziato con la cabina del battello POKOMOKO, senza avere interesse alcuno a fare questa barchetta anche perché la stessa la feci tempo addietro in modalità ridotta (25cm).
Ora, il bello della cosa è fare lo scafo e metterci questa cabina senza seguire un procedimento standard.
Di solito dopo aver fatto lo scafo mi si frantumano le eliche e la barca rimane li, ora voglio vedere se riesco (dato che la parte ritenuta più rognosa è fatta) a finirlo.
Ora come sempre la solita premessa:
Questo modellino è fatto esclusivamente con materiale riciclato; detto alla Romana “da STRACCIAROLO”
“ Stracciarolo = Straccio – Raccoglitore di stracci ; straccio = materiale in genere di scarto”
Comincio a presentarvi come è stata eseguita parte della Cabina.

Tecnica del ragno matto Foto3211

Tecnica del ragno matto Foto3212

Tecnica del ragno matto Foto3213

Tecnica del ragno matto Foto3214

Tecnica del ragno matto Foto3311

Per il momento questo è tutto
Un salutone a tutti
---------------------------------------------- Virgilio -----------------------------------------------
Virgiliomodellista
Virgiliomodellista
Forumnauta
Forumnauta


Torna in alto Andare in basso

Tecnica del ragno matto Empty Re: Tecnica del ragno matto

Messaggio Da picogio' il Ven 27 Ago 2010 - 12:05

ciao Virgilio penso proprio che il ragno matto fosse una delle cose basilari mancanti a questo forum ciao giovanni
picogio'
picogio'
Forumnauta
Forumnauta


Torna in alto Andare in basso

Tecnica del ragno matto Empty Re: Tecnica del ragno matto

Messaggio Da Virgiliomodellista il Ven 27 Ago 2010 - 14:10

Ciao Giovannino
... e si proprio così mancava il ragno matto, in effetti fatta la cabina, la timoneria ed il tetto, che non mi piace ma si vedrà in seguito devo decidere il che farci.
Di sicuro sarà lo scafo a cui appartiene, poi se motorizzarlo o no oppure lasciare la cabina finita così com'è giusto per dire che ho fatto qualcosa (anche questa volta) di inutile.
Mah! ... staremo a vedere in seguito che cosa esce da questa damigiana che mi porto sulle spalle.
per il momento andiamo avanti così poi deciderò.

La tecnica del “RAGNO MATTO” – TIMONERIA --
Perdendo tempo e cercando di fare, ho scarabocchiato su di un foglio a quadretti ed è uscito fuori un qualcosa di simile ad un timone.
Alla presentazione dei pezzi sono usciti fuori i difetti e gli errori, ma poi correggendoli quello che ne è uscito fuori sembra che ci somigli abbastanza.

Tecnica del ragno matto Foto4010

Tecnica del ragno matto Foto4011

Tecnica del ragno matto Foto4012

Dopo varie prove fare una specie di plancia dove inserire la barra del timone .
Tecnica del ragno matto Foto4013

Tecnica del ragno matto Foto4014

Mi sembra che possa andare.
Un salutone a tutti
------------------------------------ Virgilio ------------------------------------
Virgiliomodellista
Virgiliomodellista
Forumnauta
Forumnauta


Torna in alto Andare in basso

Tecnica del ragno matto Empty Re: Tecnica del ragno matto

Messaggio Da Ospite il Ven 27 Ago 2010 - 15:16

Ciao Virgi vedo che questa innovativa tecnica porta dei frutti.
Dai che voglio proprio vedere che fine fa il ragno.
Un saluto
Sandro

Ospite
Ospite


Torna in alto Andare in basso

Tecnica del ragno matto Empty Re: Tecnica del ragno matto

Messaggio Da Virgiliomodellista il Ven 27 Ago 2010 - 17:47

La tecnica del “RAGNO MATTO” -- MONTAGGIO –
Bene, plancia fatta, timone fatto non resta altro da fare che assemblare il tutto.
Si inizia con la presentazione della plancia nel suo sito definitivo, sicuramente sarà necessario qualche piccolo ritocco ma in definitiva è li che deve andare e se le misure sono esatte dovrà cadere proprio a pennello.
Vediamo





Tecnica del ragno matto Foto3415

Come volevasi dimostrare … piomba tutto!
Ora si toglie il tutto e si passa al fissaggio del timone e poi si rimonta il tutto in modo definitivo

Tecnica del ragno matto Foto4115

Tecnica del ragno matto Foto4116

In questa ultima immagine, come al solito sfocata, posso assicurarvi che non è sfocata per difetto di mano, bensì perchè riprendo l'interno della cabina dall'estreno di un vetro posto alle spalle del timone.
Tecnica del ragno matto Foto4117
E a questo punto se escludiamo il tetto la cabina è terminata
Per il momento questo è tutto
Un salutone a tutti
---------------------------------------------- Virgilio -----------------------------------------------
Virgiliomodellista
Virgiliomodellista
Forumnauta
Forumnauta


Torna in alto Andare in basso

Tecnica del ragno matto Empty Re: Tecnica del ragno matto

Messaggio Da Virgiliomodellista il Sab 28 Ago 2010 - 8:08

La tecnica del “RAGNO MATTO” -- IL DISEGNO, DECISIONE –
Signori buona giornata
Iniziamo con la lettura del disegno, il Pocomoko, uno scafo che non ha bisogno di attenzioni particolari come difficoltà.
Infatti è uno scafo dritto, non ha curvature particolari, a grandezza + o – reale si presta benissimo alla sua motorizzazione. Il suo interno è abbastanza spazioso a ricevere tutti quei componenti necessari ai suoi movimenti, ma qui siamo nel campo del modellismo statico per cui non mi attira molto la sua motorizzazione per cui staremo a vedere quale decisione si prenderà.

Tecnica del ragno matto Pocomo10

Un salutone a tutti
---------------------------------------------- Virgilio -----------------------------------------------
Virgiliomodellista
Virgiliomodellista
Forumnauta
Forumnauta


Torna in alto Andare in basso

Tecnica del ragno matto Empty Re: Tecnica del ragno matto

Messaggio Da Virgiliomodellista il Dom 29 Ago 2010 - 3:21

La tecnica del “RAGNO MATTO” -- IL DISEGNO, DECISIONE –
Bene, la decisione raggiunta è quella di fare uno scafo poi, se motorizzato oppure statico si deciderà via via che il lavoro avanza. Iniziamo dalle ordinate.
Stampo le ordinate di prua e di poppa a seconda del loro numero specificato su compensato da 5mm (solite cassette di frutta), incollo queste copie su compensato le sgrosso e rifinisco con minidril al fine di andare non oltre il segno di taglio.
In questo modo, avendo la mano abbastanza ferma queste hanno una precisione maggiore.

Tecnica del ragno matto Foto4616

Evitando poi tutta la spiegazione OVVIA della perpendicolarità e lo squadro delle stesse procedo con la sistemazione di rinforzo fra una ordinata e l’altra al fine di raggiungere una robustezza maggiore ed una precisione abbastanza buona affinché la tecnica che personalmente uso mi dia una precisione maggiore.
Questi rinforzi che sistemo, hanno anche la prerogativa di tenermi in linea lo scafo sempre per il motivo che lavoro senza l’uso dello scaletto per avere maggiore libertà di movimento.
Lo scafo, ordinate montate e rinforzi si presenta così.

Tecnica del ragno matto Foto4710

Tecnica del ragno matto Foto4711

Al fine poi di ottenere una maggiore fermezza dei vari componenti montati, sistemo una base su tutta la lunghezza dello scafo (vedi lancia armata) con la differenza che questa, in seguito, non verrà tolta ma diverrà fondamentale per lo scafo.
Questa scelta, di non rimuoverla, servirà una volta deciso se motorizzarlo o meno, a sostenere servi, motore, batterie e radio per cui avanzo così.

Tecnica del ragno matto Foto4712


Una volta montato in via provvisoria e visto da sotto si nota la chiglia, i rinforzi e la dorsale da prua a poppa.

Tecnica del ragno matto Foto4714

Bene il lavoro cammina bene e senza intoppi (per il momento), non mi resta che andare avanti e cercare di finire per questa sera il rivestimento dello scafo nella parte inferriore e renderla isolata all'acqua in moo che questa notte si asciughi e diventi un tutt'uno con la chiglia.
Un salutone a tutti
---------------------------------------------- Virgilio -----------------------------------------------










Virgiliomodellista
Virgiliomodellista
Forumnauta
Forumnauta


Torna in alto Andare in basso

Tecnica del ragno matto Empty Re: Tecnica del ragno matto

Messaggio Da Ospite il Dom 29 Ago 2010 - 19:44

Ciao virgi interessante

Ospite
Ospite


Torna in alto Andare in basso

Tecnica del ragno matto Empty Re: Tecnica del ragno matto

Messaggio Da Virgiliomodellista il Dom 29 Ago 2010 - 19:51

La tecnica del “RAGNO MATTO” -- LO SCAFO –
Inizio la copertura esterna dello scafo. Il sistema usato è sempre il solito, ha sempre lo scopo di irrobustire la struttura mantenendola diritta e piombata per le operazioni successive.
A tale scopo ricorro a delle tavolette di pioppo tenero reperite in frutteria (fornitore preferito) così pure per le tavolette di compensato da 5mm e 2mm.
Questo sistema fa si che uno scafo “finito” abbia un costo quasi pari a “0” (zero). Le immagini che seguono mostrano come effettuo le operazioni effettuate.
Riempimento di Prua e prime 3 ordinate

Tecnica del ragno matto Foto4717

Ultime 3 ordinate e poppa

Tecnica del ragno matto Foto4717

Vista da interno

Tecnica del ragno matto Foto4822

Particolare di prua

Tecnica del ragno matto Foto4823

Con questa ultima immagine ricontrollo ponendo la dorsale interna che tutte le ordinate internamente vadano a combaciare perfettamente come previsto.
Tecnica del ragno matto Foto4824

è stata una bella scarpinata ma anche questa volta ce l'ho fatta.
Ora aspettiamo che la colla faccia il suo lavoro e più tardi .....


Ultima modifica di Virgiliomodellista il Dom 29 Ago 2010 - 20:19, modificato 1 volta
Virgiliomodellista
Virgiliomodellista
Forumnauta
Forumnauta


Torna in alto Andare in basso

Tecnica del ragno matto Empty Re: Tecnica del ragno matto

Messaggio Da picogio' il Dom 29 Ago 2010 - 20:04

ciao Virgilio, pare che le ultime foto non siano comparse ,ma ho visto le precedenti
e tutto corre liscio a costo zero ciao giovanni
picogio'
picogio'
Forumnauta
Forumnauta


Torna in alto Andare in basso

Tecnica del ragno matto Empty Re: Tecnica del ragno matto

Messaggio Da Virgiliomodellista il Dom 29 Ago 2010 - 20:21

infatti proprio così costo "0"
La tecnica del “RAGNO MATTO” -- impermeabilizzazione interna --
Con questi passi successivi, impermeabilizzo lo scafo internamente.
Sono in ritardo sulla tabella di marcia in quanto ho perso tempo a quadrare delle cose che non tornavano,
ora torna tutto
Bene, non è ancora deciso se o meno motorizzarlo ma per adesso lo impermeabilizzo come se sia uno scafo fatto per l’acqua ma se non dovesse essere male non gli fa e resterà comunque un modello statico.
Inizio col tagliare strisce di tela (cotone) necessarie per la lavorazione che devo intraprendere.

Tecnica del ragno matto Foto4825

E iniziando dalla prua procedo verso la poppa

Tecnica del ragno matto Foto4826
Tecnica del ragno matto Foto4827

Ho tralasciato deliberatamente di fare questa operazione fra le ordinate 1-2-3 perché mi è venuto un dubbio su un particolare che non quadra, ma questa omissione non pregiudica affatto il lavoro intrapreso, per cui posso iniziare a rivestire lo scafo con lo stesso sistema usato per la prima parte, nella parte restante ossia verso il ponte..

Tecnica del ragno matto Foto4913
Tecnica del ragno matto Foto4914


Ora con queste immagini, l'impermeabilizzazione è al 90% terminata, posso passare alla chiusura dello scafo ossia alla posa del ponte e dell'ossatura interna quella cioé che funziona da supporto per la meccanica necessaria alla motorizzazione.
Virgiliomodellista
Virgiliomodellista
Forumnauta
Forumnauta


Torna in alto Andare in basso

Tecnica del ragno matto Empty Re: Tecnica del ragno matto

Messaggio Da Ospite il Dom 29 Ago 2010 - 20:34

Lo sai Virgi che mi sta venendo un' idea guardando questa tua nuova tecnica?
Ti farò sapere dammik il tempo di elaborarla per bene Very Happy
Un saluto
Sandro

Ospite
Ospite


Torna in alto Andare in basso

Tecnica del ragno matto Empty Re: Tecnica del ragno matto

Messaggio Da Virgiliomodellista il Dom 29 Ago 2010 - 21:49

Ciao Bello! hai da elaborà ??
elabora, elabora!
mo me so perso e mo?
La tecnica del “RAGNO MATTO” -- Montaggio ponte –
Signori buona giornata
Andando a occhio senza cioè una linea guida sul da farsi, ho saltato alcune immagini che mostrano l'interno di prua ma non credo abbia importanza.
Comunque, l’ossatura interna quella cioè che ho lasciato, segue il perimetro perfetto interno dello scafo ed ha la forma del ponte a vista; ad onor di cronaca, devo aggiungere che dopo lo strato di tela e 3 Mano di VINAVIL, ho dato anche una mano di cementite, essendo stato impermeabilizzato internamente questo pseudo ponte interno funziona da supporto e da intercapedine. Per cui se lo scafo va in acqua è una sicura in più, se al contrario … un lavoro inutile ma non dannoso per cui alla via così!
Nell’immagine che segue, si vede l’ossatura interna, parte rivestita con impiallacciatura di noce e parte grezza, con la copertura totale del ponte l’interno va a scomparire.

Tecnica del ragno matto Foto4915

Tecnica del ragno matto Foto4916

Tecnica del ragno matto Foto5015

Tecnica del ragno matto Foto5016

Tecnica del ragno matto Foto5017

Con quest’ultima immagine completo l’impermeabilizzazione dello scafo passando la cementite nella parte poppiera dello scafo. Posso passare ora alla chiusura del ponte e a questo punto mi sembra chiaro che rimarrà un modello STATICO.

---------------------------------------------- Virgilio -----------------------------------------------
Virgiliomodellista
Virgiliomodellista
Forumnauta
Forumnauta


Torna in alto Andare in basso

Tecnica del ragno matto Empty Re: Tecnica del ragno matto

Messaggio Da Virgiliomodellista il Lun 30 Ago 2010 - 7:58

La tecnica del “RAGNO MATTO” -- Rivestimento –
Usando un compensato da 2mm per la copertura del ponte posso trovare, se le ordinate non sono allineate, problemi di gobbe o buche, ma per contro ho la possibilità di gestione degli spazi interessati alla copertura.
Per cominciare, e comprendere meglio il lavoro svolto, ho lasciato le fiancate più alte di 5mm dal bordo superiore dell’ordinate.
Questo sistema mi permette di inserire il ponte all’interno delle fiancate, in effetti il contrario di quanto avviene nei vascelli tradizionali, questo era stato studiato quando pensavo si motorizzarlo ma ora vedo che questo sistema è efficace anche per modelli statici (è più simpatico).

Tecnica del ragno matto Foto5018

Tecnica del ragno matto Foto5019

Nelle immagini che seguono il sistema del ponte incassato è più apprezzabile.
“Per la cronaca” …. Questo sistema è valido per scafi fatti con il mio sistema, per il sistema tradizionale non ho riscontri per cui prendete queste informazioni così come vedete il prosieguo dei lavori.

Tecnica del ragno matto Foto5110

Ora presento la cabina nel sito destinato ad accoglierla e come si vede cade a pennello, sicuramente qualche piccolo ritocco sarà necessario ma per il momento non vedo problemi di sorta.

Tecnica del ragno matto Foto5111

Tecnica del ragno matto Foto5112

Il risultato ottenuto sembra essere sufficientemente buono ora la prova del fuoco con il rivestimento del ponte ed il fissaggio definitivo della cabina.
---------------------------------------------- Virgilio -----------------------------------------------
Virgiliomodellista
Virgiliomodellista
Forumnauta
Forumnauta


Torna in alto Andare in basso

Tecnica del ragno matto Empty Re: Tecnica del ragno matto

Messaggio Da leone il Lun 30 Ago 2010 - 9:13

ciao virgi, be che dire il risultato è buono si, te la cavi proprio bene col materiale di recupero, stiamo a vedere il seguito

un saluto guido
leone
leone
Forumnauta
Forumnauta


Torna in alto Andare in basso

Tecnica del ragno matto Empty Re: Tecnica del ragno matto

Messaggio Da Virgiliomodellista il Lun 30 Ago 2010 - 10:57

Grazie Leone
Vedi in questo caso (il mio e del recupero materiale), l'abilità sta solo nel fatto di dover tirar fuori un listello di faggio 2x2mm da una bacchetta di faggio 50x10x500mm e tutto senza usufruire di particolari attrezzature e fare queste operazioni usando prettamente traforo e carta vetrata, per il resto è prassi comune a tutti i modellisti.
In commercio si vedono galeoni che hanno pennoni che sembrano tagliati con il ronchetto e sembrano germogliare da un momento all'altro, storti e grossolani, io non riuscirei a vederli piazzati su un mio modello.
Comunque ... andiamo avanti.
La tecnica del “RAGNO MATTO” -- Rivestimento –
Lo spazio che segue mostra la copertura del ponte con impiallacciatura in noce.
Sempre mettendo in evidenza il fatto che è tutto materiale riciclato, proveniente cioè da altre lavorazioni, devo trattarlo in maniera adeguata per non incorrere in inconvenienti indesiderati.
Per prima cosa, essendo una impiallacciatura più che centenaria, ho necessità di renderla un po meno secca per cui la metto a bagno per una decina di minuti in acqua calda.
Essendomi accertato del suo grado di malleabilità ne faccio striscette di circa 6/7mm di larghezza ciascuna.
Questa operazione richiede un po più di tempo in quanto bagnato mi darebbe un tempo di essiccazione della colla molto più lungo e non usando ne chiodi ne spilli ne mollette avrei problemi a tenerlo fermo quel tanto che basta per poterlo lavorare.
L’immagine che segue mostra il particolare del ponte a Prua, particolare già rifinito, solo carteggiato ma senza lucidatura. Da notare la precisione del taglio sul bordo superiore dello scafo dovuto proprio all’incasso del ponte (in compensato 2mm) nella fiancata.

Tecnica del ragno matto Foto5113

In questa successiva invece il prosieguo del ponte, carteggiato, il particolare di poppa e la conseguente presentazione della cabina.
Può andare.

Tecnica del ragno matto Foto5114

Tecnica del ragno matto Foto5115

Essendo la cabina fatta per l’incasso, per stabilire il punto esatto della sua sistemazione mi aiuto con spilli i quali mi delimitano il punto esatto dove montare i correnti orizzontali a contatto del ponte per un incollaggio definitivo.

Tecnica del ragno matto Foto5210

Tecnica del ragno matto Foto5211
Per ora questo è quanto ... al prossimo passaggio.

Un salutone a tutti
---------------------------------------------- Virgilio -----------------------------------------------
Virgiliomodellista
Virgiliomodellista
Forumnauta
Forumnauta


Torna in alto Andare in basso

Tecnica del ragno matto Empty Re: Tecnica del ragno matto

Messaggio Da leone il Lun 30 Ago 2010 - 13:02

ciao virgi, ma la stai costruendo man mano o è già finita e stai postando le foto del lavoro?
leone
leone
Forumnauta
Forumnauta


Torna in alto Andare in basso

Tecnica del ragno matto Empty Re: Tecnica del ragno matto

Messaggio Da Virgiliomodellista il Lun 30 Ago 2010 - 13:20

Ciao leone
No! non l'ho finita ancora, ma mi sono trovato fuori tempo per via di un errore di postaggio.
in effetti avevo postato Passo Passo man mano che abndavo avanti con il lavoro immagini e testo, ma ripreso (a buon motivo) ho dovuto interrompere (per evitare rotture di eliche) i post per rientrare nella regola. Così mentre fino a ieri mattina errori di post compresi, era un passo passo perfetto ora mi trovo in differita e questa cosa mi innervosisce non poco.
Ma ti assicuro che non è stata fatta in precedenza e postata in seguito.
Ma manca solo il rivestimento dello scafo (fasciame) poi è finita definitivamente.
Io volevo battere il mio record di scafo con una barca finita ma ... vediamo un po come va a finire.
Anzi per correttezza ti posto una delle ultime immagini di ieri sera allo stato attuale dei lavori poi proseguo con il passo passo.
Tecnica del ragno matto Foto5410

Tecnica del ragno matto Foto5411

Tecnica del ragno matto Foto5412

Tecnica del ragno matto Foto5413

Penso possa bastare come conferma del passo passo, quando cambierà il regolamento dalla sera alla mattina dopo ... chissà forse potreste trovarvi un modellino nuovo.
Al momento salutoni a tutti
---------------------------- Virgilio ------------------------------



Virgiliomodellista
Virgiliomodellista
Forumnauta
Forumnauta


Torna in alto Andare in basso

Tecnica del ragno matto Empty Re: Tecnica del ragno matto

Messaggio Da brggpl il Lun 30 Ago 2010 - 20:27

ciao virgilio Very Happy
i miei complimenti per il lavoro, per la rapidità e la descrizione passo-passo. Applausi
(ora attendo anche le foto di oggi)
Ciao

_________________
Ciao gian paolo


Tecnica del ragno matto Progre10Regolamento Forum: http://www.forumscuoladimodellismo.com/regolamento-f8/regolamento-del-forum-t274.htm
Tecnica del ragno matto Progre10Guida pubblicazione video e immagini: http://www.forumscuoladimodellismo.com/guida-alla-pubblicazione-delle-immagini-f12/
Tecnica del ragno matto Progre10Glossiario dei termini marinareschi: http://www.forumscuoladimodellismo.com/f66-glossario-illustrato-dei-termini-marinareschi study
brggpl
brggpl
Responsabile glossario sostenitore
Responsabile glossario sostenitore


Torna in alto Andare in basso

Tecnica del ragno matto Empty Re: Tecnica del ragno matto

Messaggio Da Virgiliomodellista il Lun 30 Ago 2010 - 21:49

Grazie brggpl
ma ormai il passopasso si è andato a far benedire.
si è interrotto ieri e adesso a riprenderlo mi è un poco compicato, comunque ci provo.

La tecnica del “RAGNO MATTO” -- Sistemazione cabine e stiva di carico –
In questi passaggi diamo la sede stabile e definitiva alla cabina di comando e creiamo la cabina alloggi.
Gli spazi che vado ad occupare, in un modello dinamico dovevano ricevere :
nella stiva di carico batterie e motore;
sotto le cabine dovevano trovare sede i servi, la ricevente e le sue batterie.
Non avendo più bisogno di questi oggetti fisso in modo definitivo e stabile le cabine.

Tecnica del ragno matto Foto5212

In quest’altra immagine si vede già montata la cabina alloggi che trova la sua sede fra i due quadrelli di faggio che sorreggono la cabina comando e fanno da guida all’altra cabina.
Questi quadrelli oltre ad avere lo scopo di sorreggere le due cabine sono da guarnizione e copertura ad eventuali imperfezioni di tutta la struttura

Tecnica del ragno matto Foto5213

Da questa angolazione si vede la parte frontale della cabina alloggi con i due obloo.
La forma del tetto della cabina alloggi, mi ha impedito di rifinire definitivamente l’ambiente creato in quanto la sua rifinitura andrà a sopperire eventuali imperfezioni di collegamento con l’altra cabina.
Il tetto sarà costituito da listelli di tiglio da 0,5mm di spessore quindi molto teneri e delicati per la lavorazione ma sono necessari per spezzare il contrasto col resto della struttura in noce scuro (speriamo non dia noia alla vista).
In primo piano invece la stiva ancora grezza.

Tecnica del ragno matto Foto5214

… altra angolazione per la vista della stiva

Tecnica del ragno matto Foto5310

(a mio avviso) … bel primo piano della linea dello scafo

Tecnica del ragno matto Foto5311

Un salutone a tutti
---------------------------------------------- Virgilio -----------------------------------------------
Virgiliomodellista
Virgiliomodellista
Forumnauta
Forumnauta


Torna in alto Andare in basso

Tecnica del ragno matto Empty Re: Tecnica del ragno matto

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Torna in alto


 
Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.